Ricominciare dalle piccole cose.

Sto vivendo una fase di scollamento dal passato, ma ancora non sono in grado di definire esattamente il mio futuro.

Vorrei ricominciare dalle piccole cose, dal costruire le routine. Un tempo consideravo questa parola negativa, poi ho cambiato idea studiando i libri per diventare educatrice della prima infanzia. Le routine di cura sono un momento fondamentale per la crescita del bambino, in cui vengono accolte le sue esigenze, rinsaldate le sue sicurezze e attraverso le quali apprende dagli adulti come comportarsi.

Forse mi sento ancora un po’ bambina e penso sarà sempre così, ma ho bisogno di quella routine che non ho mai avuto, se non per brevi periodi. La parte difficile è che devo essere io l’adulta che rieduca se stessa, scindere la parte disorientata di me da quella con le idee chiare e far funzionare questo ménage.

Faranno parte della routine tutte le cose che mi fanno stare bene, dalla colazione preparata con cura, allo sport, all’avere sempre  a portata di mano una macchina fotografica per riuscire a fermare quella fotografia che avevo già visto nella mia mente, all’usare uno di quei quaderni rilegati che stanno nel cassetto per scriverci quello che mi va, combattendo la sensazione che non sia ora il momento, che ora non vada bene.

Negarsi questi piccoli riti significa, poco per volta, erodere la sensazione di valore che ci si assegna e dimenticare come si fa a “prendersi cura di”.

Insomma, stamattina mi sono preparata la colazione con cura, ma il telefono cellulare è semi-defunto e si accende solo quando gli pare, e le due macchine fotografiche hanno la batteria completamente scarica, quindi non ho potuto documentare il meraviglioso mini pancake di farro integrale con miele e noci e il frullato verde supervitaminico.

Da qui vedo anche un panorama meraviglioso che mi ricorda uno dei miei quadri preferiti, Der Wanderer über dem Nebelmeer di Caspar Friedrich: la nebbia inghiotte la parte bassa della città e spuntano solo le cime dei palazzi più alti, ma – mannaggia a me – neanche questo posso immortalare stamattina.

Ricomincio dalle piccole cose, perché non voglio rischiare di perdermi quelle grandi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...